Living BARBADOS


Conoscere il territorio

Barbados è una nazione insulare indipendente situata tra il mar dei Caraibi e l'oceano Atlantico.

Il periodo migliore per un viaggio a Barbados sono i mesi freschi e secchi del tardo inverno e dell'inizio della primavera (da febbraio a maggio), quando il clima è piacevolmente mite e le acque del mare sono comunque calde.
Durante l'estate e l'autunno il clima può risultare afoso: le temperature sono più alte, superando i 30°C, e le precipitazioni sono più abbondanti e si presentano in genere sotto forma di rovesci o temporali.

Documenti necessari e situazione sanitaria

COVID-19

Alla luce dell'emergenza sanitaria in corso, ciascun Paese sta adottando misure restrittive e preventive in continua evoluzione. Si raccomanda pertanto di consultare il sito Viaggiare Sicuri: http://www.viaggiaresicuri.it/country/BRB

Abbigliamento consigliato

Oltre ai costumi, agli abiti da spiaggia e quanto necessario per proteggersi dal sole, durante il giorno, in qualsiasi periodo dell'anno, basterà indossare abbigliamento casual estivo. Una felpa o una giacca leggera sono da tenere a portata di mano per le sere più fresche (soprattutto durante i mesi invernali) o per l'aria condizionata. Un impermeabile è utile per gli eventuali rovesci.

Un po' di storia

Le prime testimonianze della presenza umana a Barbados risalgono al 1600 a.C., mentre dal IX secolo si iniziarono ad insediare stabilmente popolazioni come gli Arawak e i Caribe. Portoghesi e Spagnoli avvistarono l'isola, la battezzarono Barbados probabilmente per le piante di ficus le cui radici aeree ricordavano delle barbe, ma la ignorarono per la scarsità di risorse minerarie. 

Solo nel 1625 gli Inglesi sbarcarono a Barbados, sfruttando l'isola con le piantagioni di canna da zucchero, in cui vennero impiegati degli schiavi. La popolazione locale venne rapidamente superata in numero dagli abitanti di origine africana, trasferiti dai proprietari delle piantagioni. Con il trascorrere dei decenni, e con le durissime condizioni a cui gli schiavi erano sottoposti, scoppiarono le prime ribellioni. Nel 1834 la schiavitù venne abolita, ma gli equilibri rimasero pesantemente sbilanciati a favore dei bianchi.

Solo a metà del secolo scorso le condizioni di vita della popolazione migliorarono, con riforme e la partecipazione alla vita politica. Nel 1962 Barbados divenne uno stato indipendente.

Cultura

La cultura di Barbados è un interessante mix di tradizioni africane e britanniche. I bajan, così si definiscono gli abitanti dell'isola, hanno eletto come sport nazionale una attività britannica come il cricket e lo praticano con grande entusiasmo, probabilmente anche per il ruolo che questo sport ha giocato nel processo di integrazione fra culture.

Anche nella cucina, o nella musica, le tradizioni di popolazioni di origini molto diverse fra loro hanno saputo creare miscele estremamente particolari. I piatti tipici, oltre all'onnipresente fish cake, in sostanza frittelle di pesce, prevedono carne o pesce conditi e marinati con spezie e accompagnati da verdure e salse, preparati con ingredienti e metodi di cottura presi in prestito da tutte le popolazioni che hanno avuto relazioni con l'isola.
La tradizione musicale annovera generi come il tuk, che combina la musica delle bande militari britanniche e una rappresentazione di scene recitate e danzate che hanno come protagonisti dei personaggi mutuati dall'eredità africana, per arrivare fino allo spouge, un ibrido creato negli anni 60 che miscela ska, calypso e inni religiosi.

Moneta

La moneta ufficiale è il Dollaro di Barbados (BBD).

Lingua

L'inglese è la lingua ufficiale di Barbados, e gli abitanti parlano anche il bajan, una lingua creola basata sull'inglese.

Fuso orario

Il fuso orario di Barbados è GMT-4, quindi si calcolano 5 ore in meno rispetto all'Italia, 6 ore in meno quando in Italia è in vigore l'ora legale.

Elettricità

La corrente elettrica a Barbados è a 115V, 50Hz. Le prese elettriche utilizzate sono a due o tre poli, con lamelle piatte.

Prima di partire

ESCURSIONI ACQUISTATE IN LOCO

Il tour operator consiglia di controllare eventuali escursioni acquistate in loco da organizzazioni non ufficiali e da privati e, in ogni caso, resta inteso che il nostro corrispondente locale non è responsabile per i disservizi causati dall’acquisto delle stesse. Vi invitiamo pertanto ad effettuare le opportune verifiche insieme al nostro assistente locale. 

CARTA DI CREDITO A GARANZIA

Al momento del check-in in un hotel solitamente viene richiesta la carta di credito a garanzia e viene bloccata una determinata somma a titolo cauzionale. Ciò è totalmente slegato dal pagamento dei servizi effettuato dal tour operator ed è una prassi molto comune a livello internazionale. La carta di credito del cliente viene richiesta laddove l'hotel disponga di servizi opzionali a pagamento, quali il minibar, la TV via cavo, boutique o ristoranti, qualora cioè sia possibile acquistare e di conseguenza far addebitare gli importi da saldare al momento del check-out.

Attenzione!

RESORT FEE E TASSE DI SOGGIORNO

Alcuni hotel possono richiedere il pagamento in loco di tassa di soggiorno e di resort fee non prepagabili dall'Italia. L'importo può variare da hotel a hotel.