viaggi Living Argentina
Cosa fare in Argentina
Cosa fare in Argentina

Living Argentina

Cosa fare in Argentina

L’Argentina, che si estende per quasi 3.700 chilometri da Nord a Sud, e che si distende dalla catena delle Ande fino alle coste dell’Oceano Atlantico, abbraccia un territorio tanto vasto da sorprenderti per la sua varietà: dalle vertiginose cime della zona Nordoccidentale alla sconfinata pianura delle Pampa, dai maestosi ghiacciai della Patagonia alle imponenti cascate, dalla brulicante vita marina della Penisola Valdés, ai suggestivi panorami della Terra del Fuoco. Scoprila con i nostri consigli.

Ci sono ottime probabilità che il tuo viaggio inizi da Buenos Aires: preparati all’accoglienza di una città che ti appare molto europea, ma che sa esibire la sua identità unica, fatta di un caleidoscopio di storie e di culture. Trovi questa identità nella gestualità e nei rituali delle milonghe, dove puoi frequentare una lezione di tango o puoi assistere alle esibizioni dei milonguero: per scoprire il tango, patrimonio intangibile tutelato dall’UNESCO, parti dal quartiere di La Boca e dal Caminito, piccola strada curva così ribattezzata in onore di un tango ispirato dalla sua atmosfera. Qui trovi coloratissime case di legno, ricostruite negli anni Cinquanta per ricreare le atmosfere vivaci del quartiere popolare che era un tempo, dove la vernice di scarto dei cantieri navali finiva per essere reimpiegata per le facciate delle abitazioni, qui trovi musicisti, ballerini e artisti che si esibiscono di fronte ai tuoi occhi. Ma questa non è che una sfaccettatura della atmosfera di Buenos Aires: in Plaza de Mayo, la grande piazza cinquecentesca dove si è scritta la storia dell’Argentina, ti sembra di sentire echeggiare la voce delle folle che acclamavano Evita Perón affacciata al balcone della Casa Rosada, il palazzo presidenziale, e le rivendicazioni delle madri dei desaparecido, vite che la dittatura ha sottratto a questo Paese. E ancora, la grandiosità della Avenida de 9 Julio, una delle strade più larghe del mondo, il clima parigino del quartiere La Recoleta, con il suo cimitero monumentale circondato dai giardini, i viali alberati del quartiere Palermo, la modernità dell’architettura della zona di Puerto Madero. Non puoi perdere una passeggiata fra la vie strette e acciottolate, i piccoli e deliziosi locali, i mercati e i negozi di antiquariato del barrio multiculturale di San Telmo, dove rivivi la storia dell’immigrazione argentina nei pasaje delle case coloniali, i cortili interni, ognuno con la propria personalità.

Assaporata la vita della capitale, dove si concentra un terzo dell’intera popolazione argentina, è il momento di immergersi nella natura e nei meravigliosi scenari di questo Paese.
Procedendo verso Sud, una tappa che non puoi perdere, è la Penisola Valdés, Patrimonio dell’UNESCO per le sue colonie di mammiferi marini: collegata alla Patagonia argentina dal sottile Istmo Ameghino, nel periodo che va da luglio a metà dicembre è il luogo perfetto per avvistare le balene che ogni anno tornano a riprodursi nelle acque del Golfo Nuevo. Tra alte scogliere, sulla sabbia delle calette, i leoni marini e gli elefanti marini si godono il sole, insieme ai pinguini di Magellano, di cui nella Caleta Valdés trovi una piccola colonia. L’entroterra, ricoperto dalla steppa, sferzato costantemente dal vento, non è meno interessante per la sua fauna: qui puoi avvistare il guanaco, simile al lama, la volpe rossa, l’armadillo e il curioso nandù, simile allo struzzo.

Scendendo ancora più a Sud, nella parte meridionale della Patagonia, El Calafate è un importante punto di snodo per il tuo viaggio. Il nome di questa cittadina sulla riva meridionale del lago Argentino prende il nome dal piccolo arbusto dai fiori gialli e dalle bacche blu che movimentano le distese erbose di queste terre: ne vedrai molti lungo la strada che ti conduce verso il Parco Nazionale Los Glaciares, Patrimonio dell’UNESCO, e verso il Perito Moreno, un artiglio azzurro che scende giù dalle Ande e si tuffa nelle acque del lago Argentino, con un fronte di circa 5 chilometri per 60 metri di altezza. Questo ghiacciaio, in continua espansione, ti mostra tutti i colori del ghiaccio: dal grigio ardesia al verde smeraldo, dal blu intenso al bianco accecante. Oltre che a colpirti per la sua imponenza, il Perito Moreno rivela il suo continuo dinamismo nei suoi scricchiolii e nel suono tonante degli enormi blocchi di ghiaccio che si staccano dal fronte precipitando nelle acque gelide del Canal de los Témpanos, per riemergere come piccoli iceberg.

Prosegui poi verso la fine del mondo, fino alla città più australe: Ushuaia, capitale della Terra del Fuoco, è circondata da un paesaggio che combina litorali e boschi, montagne e ghiacciai. Qui percepisci distintamente la sensazione di trovarti lontano da tutto. Con una navigazione nel Canale di Beagle, tra isole e isolotti popolati da cormorani e leoni marini, pinguini di Magellano, pinguini gentoo e pinguini reali, puoi immaginare vedersi levare il fumo dei fuochi accesi dalla popolazione Yámana, che diedero il nome moderno a questa propaggine estrema del Sud America.

Dalla punta più meridionale del continente, prosegui il tuo viaggio con un volo che ti porta a Nord, al confine tra Argentina e Brasile, fino al verde brillante della foresta pluviale: il Parco Nazionale dell'Iguazú, patrimonio dell’UNESCO, ti offre lo straordinario spettacolo delle omonime cascate. Con un fronte di 2,7 chilometri, e salti che raggiungono i 70 metri, sono 275 le cascate che qui rombano scaricando a valle quasi 2 milioni di metri cubi di acqua al secondo. Il salto più spettacolare è quello della Garganta del Diablo. Qui le nuvole di goccioline d’acqua, l’impressionante rumore del fiume che precipita, l’ipnotico scorrere di una enorme quantità d’acqua scuotono i tuoi sensi con l’impeto violento della natura più selvaggia.

Una interessante digressione per il tuo viaggio in Argentina, poi, è senza dubbio il Nordovest. La città di Salta, nota per la sua architettura coloniale, è circondata da scenari inaspettati: trovi canyon, come la Quebrada de Humahuaca, scavata dal Rio Grande in un paesaggio polveroso, dove la cultura Inca vive ancora nei piccoli villaggi d’alta quota; trovi deserti di sale e rilievi che sembrano dipinti, come il Cerro de los Sietes Colores, nei pressi del minuscolo villaggio di Purmamarca; trovi i rigogliosi vigneti della zona di Cafayate, dove si producono degli ottimi vini.
La tua esperienza gustativa in Argentina sarà memorabile, tra il succulento asado e il pesce del Sud, ma è probabilmente nella zona del Nordovest che puoi assaggiare le più gustose e varie empanada dell’Argentina: questi piccoli panzerotti ripieni, accompagnati da un bicchiere di Torrontés, il vino bianco tipico dell’area, sono una tentazione a cui non potrai resistere. Così come non potrai resistere alle degustazioni delle bodega, le cantine vinicole, se deciderai di visitare Mendoza e la regione del Cuyo. Qui i vigneti, fra i più alti del mondo, sono irrigati con l’acqua di scioglimento dei ghiacciai: un sorso di Malbec, il vitigno locale, ha il sapore di tutte le storie dei viticoltori che hanno saputo dominare questa terra.

Carpe diem

Migliori offerte del mese

Personalizza il tuo viaggio
Personalizza il tuo viaggio.
Chiedi un preventivo.

Ottieni senza impegno un preventivo personalizzato per la tua vacanza.
Gli esperti di IDEE PER VIAGGIARE sono a tua disposizione per organizzare insieme a te un viaggio unico e indimenticabile.

A closer look

È bello sapere che...

Call center

Assistenza in viaggio

Contatta l'assistenza

+39 06.52098111

Numero unico di assistenza prima della partenza, attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7

Al fine di garantirti un’accurata assistenza in caso di inconvenienti alla partenza, prendi nota di questo contatto telefonico nel caso in cui la tua agenzia di viaggi di riferimento risultasse chiusa.
Utilizza questo numero anche qualora ti trovassi all’estero e non riuscissi a contattare i nostri assistenti locali ai numeri riportati sui tuoi documenti di viaggio.