Living Botswana Botswana


Conoscere il territorio

Confina a nord con la Namibia e lo Zimbabwe. A est con lo Zimbabwe e in parte anche col Sudafrica, a sud con il Sudafrica e a ovest con la Namibia.

Semi-desertico con una media annuale di precipitazioni molto scarsa. Le piogge sono concentrate nei mesi di dicembre e gennaio mentre la stagione secca va da maggio a settembre quando l'escursione termica tra le ore diurne e notturne è molto accentuata.

Documenti necessari

Confina a nord con la Namibia e lo Zimbabwe. A est con lo Zimbabwe e in parte anche col Sudafrica, a sud con il Sudafrica e a ovest con la Namibia.

DOCUMENTI PER VIAGGI ALL'ESTERO DI MINORI

A partire dal 26 giugno 2012 tutti i minori italiani che viaggiano devono essere muniti di documento di viaggio individuale. Pertanto, a partire dalla predetta data, i minori, anche se iscritti sui passaporti dei genitori in data antecedente al 25 novembre 2009, devono essere in possesso di passaporto individuale oppure, qualora gli Stati attraversati ne riconoscano la validità, o di carta d’identità valida per l’espatrio.

Al fine di agevolare l’espatrio dei cittadini in questione, oltre che di sventare il pericolo di espatri illegali degli stessi per conto di terzi, dal 2010 è prevista la possibilità di chiedere, presso gli Uffici competenti, il rilascio di una versione del passaporto sulla quale sono impressi i nomi di entrambi i genitori. Qualora tale indicazione non dovesse essere presente, prima di intraprendere il viaggio si consiglia di munirsi di un certificato di stato di famiglia o di estratto di nascita del minore da esibire in frontiera qualora le autorità lo richiedano. Si ricorda che ai sensi della Circolare 1 del 27 gennaio 2012 del Ministero degli Interni: “la carta d'identità valida per l'espatrio rilasciata ai minori di età inferiore agli anni quattordici può riportare, a richiesta, il nome dei genitori o di chi ne fa le veci” (cit.).

Fino al compimento dei 14 anni i minori italiani possono espatriare a condizione che viaggino accompagnati da almeno un genitore o da chi ne fa le veci oppure che venga menzionato sul passaporto, o su una dichiarazione di accompagnamento rilasciata da chi può dare l’assenso o l’autorizzazione ai sensi dell’articolo 3, lettera a) della legge 21 novembre 1967, n. 1185, e vistata da un'autorità competente al rilascio (Questura in Italia, ufficio consolare all’estero), il nome della persona, dell’ente o della compagnia di trasporto a cui i minori medesimi sono affidati.

Dal 4 giugno 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina riguardante la dichiarazione di accompagnamento, finalizzata a garantire una maggiore tutela del minore, a rendere più agevoli i controlli alle frontiere e, infine, a facilitare la presentazione della dichiarazione mediante l’utilizzo anche di modalità telematiche (mail, PEC, fax).

Si evidenziano di seguito le innovazioni principali:

  • La dichiarazione di accompagnamento può riguardareun solo viaggio (da intendersi come andata e/o ritorno) dal Paese di residenza del minore con destinazione determinata e non può eccedere, di norma, il termine massimo di sei mesi;
  • Gli esercenti la responsabilità genitoriale o tutoria possono indicare fino ad un massimo di due accompagnatori, che saranno tuttavia alternativi fra di loro;
  • Nel rendere la dichiarazione di accompagnamento, gli esercenti la responsabilità genitoriale o tutoria possono chiedere che i nominativi degli accompagnatori, la durata del viaggio e la destinazione siano stampati sul passaporto del minore o in alternativa che tali dati siano riportati in una separata attestazione, che verrà stampata dall’Ufficio competente;
  • Nel caso in cui il minore sia affidato ad un ente o ad una compagnia di trasporto, al fine di garantire la completezza e la leggibilità dei dati relativi al viaggio, è rilasciata unicamente l’attestazione. Si suggerisce, prima di acquistare il biglietto della compagnia di trasporto, di verificare che la stessa accetti che il minore sia ad essa affidato.

Per conoscere la documentazione completa può essere utile consultare il sito della Polizia di Stato http://www.poliziadistato.it/articolo/191

ATTENZIONE AL PASSAPORTO

Alcune destinazioni della nostra programmazione richiedono più di una pagina libera sul passaporto per l'accesso al paese. È quindi buona norma controllare, prima della partenza, di avere un numero sufficiente di pagine libere per i timbri doganali.

La normativa varia da paese a paese, alcuni ne richiedono una soltanto, altri addirittura 3. L'esperienza consiglia, per sicurezza, di avere almeno due pagine libere in più del numero delle destinazioni visitate. Se ad esempio si visitano 2 destinazioni, è consigliato avere 4 pagine libere sul passaporto.

Abbigliamento consigliato

Si consiglia l'uso di abiti pratici, comodi e leggeri, con un capo di lana per le sere, generalmente fresche, e una giacca a vento per combattere l'escursione termica della notte e durante i foto-safari.

Un po' di storia

I primi abitanti del Botswana sembra fossero i Boscimani circa 30.000 anni fa. Seguirono etnie e tribù molte delle quali riuscirono a convivere pacificamente risolvendo le discordie tramite la frammentazione: gli insoddisfatti non facevano altro che riunirsi e fondare un nuovo insediamento altrove.

Questo avvenne fino agli inizi dell'800 quando le tribù tswana cominciarono ad aggregarsi in vere società governate ognuna da un sovrano.

Cominicarono nel frattempo le conquiste nel territorio da parte dei boeri. Da qui molti scontri, ribelioni e violenze tra i boeri e gli tswana. Nel 1877 le tensioni avevano raggiunto un tale livello che gli inglesi invasero il territorio per annettere il Transvaal, dando così l'avvio alla prima guerra anglo-boera.

L'Inghilterra cominciò a conquistare e a dominare questi territori fino al 1966, anno in cui la Repubblica del Botswana divenne indipendente. L'economia del paese fu completamente rivoluzionata nel 1967 dalla scoperta dei diamanti nei pressi di Orapa. Nel 1999 il mercato internazionale dei diamanti è crollato, cosa che ha portato il Botswana a registrare il primo deficit degli ultimi 16 anni.

Tuttavia, paragonato al resto del continente africano, il paese ha sempre una notevole ricchezza e stabilità.

Nel 2008 è stato eletto presidente Ian Khama.

Vaccinazioni

Non è richiesta alcuna vaccinazione ma si raccomanda la profilassi antimalarica.

Nel nord del Paese, nelle zone di Okavango e Chobe è presente la malaria che si accentua in particolare dopo la stagione delle piogge. Si consiglia, pertanto, di adottare, durante la permanenza nel Paese, misure preventive contro le punture di zanzara seppur non risultino obbligatorie alcune vaccinazioni ma caldamente raccomandate.

È stato tolto l'obbligo di vaccinazione contro la febbre gialla per i passeggeri che dallo Zambia si recano in Botswana o Zimbabwe o Sudafrica.

Strutture sanitarie: le strutture sanitarie non hanno gli standard europei. Nella capitale Gaborone esiste un ospedale di buon livello. Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, un'assicurazione sanitaria che preveda oltre alla copertura delle spese mediche anche l'eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese.

Moneta

La valuta in vigore è il Pula che vale circa 0,08185 euro (Ottobre 2017).

Lingua

La lingua ufficiale è l'inglese, ma sono molto diffuse le lingue Bantu e Setswana.

Fuso orario

Un'ora in più rispetto all'ora solare italiana. Nessuna differenza nei mesi in cui vige l'ora legale

Elettricità

220 volt spine tripolari.

Prima di partire

IMPORTANTE - Botswana: In seguito alle nuove disposizioni annunciate dal Ministero degli Interni del Botswana i minori di 18 anni potranno accedere al Paese soltanto in presenza della documentazione completa Oltre al passaporto in corso di validità, al momento del check-in le famiglie che viaggiano dovranno fornire una copia integrale dell'atto di nascita dei bambini contenente le informazioni basilari sui genitori (matrimonio, divorzio, decesso). La documentazione prevista per i minori accompagnati da un solo genitore comprende anche un'autorizzazione firmata dall'altro genitore o, in caso di decesso di uno dei due genitori, un apposito certificato di morte. I minori che viaggiano in compagnia di genitori non biologici potranno entrare in Botswana presentando la seguente documentazione: copia integrale dell'atto di nascita, autorizzazione firmata dai genitori o da un tutore legale, copia dei documenti d'identità o del passaporto dei genitori o del tutore legale, contatti dei genitori o del tutore legale. Per i minori non accompagnati, l'ingresso nel Paese sarà possibile soltanto con un'autorizzazione firmata da entrambi i genitori, una lettera firmata dalla persona predisposta all'accoglienza in Botswana, con tutti i dati e le copie dei documenti di identità, e i contatti dei genitori o del tutore legale. IMPORTANTE - ZAMBIA: E' stato finalmente tolto l'obbligo di vaccinazione contro la febbre gialla per i passeggeri che dallo Zambia si recano in Botswana o Zimbabwe o Sudafrica VISTI CONSOLARI (Da pagare in loco in dollari americani in contanti) Zimbabwe: entrata singola USD 30 entrata doppia USD 45 Zambia: entrata singola USD 55 entrata doppia USD 80 Mozambico: entrata singola USD 85 WETU Il programma che evidenzia l'itinerario in Sudafrica 'Day-by-Day' è a tua disposizione. A corredo del preventivo che troverai di seguito, Idee per Viaggiare ha acquistato per te in esclusiva WETU, il programma che esalterà la tua agenzia agli occhi del tuo cliente mostrandogli, in veste altamente professionale, i servizi turistici proposti. WETU è un programma che presenta l'itinerario da te scelto per i tuoi clienti evidenziandone sia il tragitto 'day-by-day' sia i punti d'interesse e le località consigliate da visitare. Approfittane, utilizzalo e fallo diventare un 'plus' per la tua agenzia: ti aiuterà nella conferma! Digita sul Link sotto evidenziato

CARTA DI CREDITO A GARANZIA

Al momento del Check-in in un hotel potrebbe capitare, di vedersi richiedere la Carta di Credito a garanzia. Ciò è totalmente slegato dal pagamento dei servizi effettuato dal Tour Operator ed è una prassi molto comune a livello internazionale. La carta di credito del cliente, viene richiesta, laddove l'hotel disponga di servizi opzionali a pagamento, quali il Minibar, la TV via Cavo, Boutique o Ristoranti, dove è possibile acquistare e di conseguenza far addebitare gli importi da saldare al momento del Check-out. Di conseguenza non meravigliatevi se al momento dell'accettazione, vi viene addebitato un importo. Lo stesso non è definitivo ma trattasi di deposito cauzionale in valuta che verrà "conguagliato" con l'importo definitivo delle eventuali spese sostenute. Soltanto in quel momento, la struttura alberghiera tratterà il definitivo importo.

ESCURSIONI

Il Tour Operator consiglia di controllare eventuali escursioni acquistate in loco da organizzazioni non ufficiali e da privati e, in ogni caso, resta inteso che il nostro corrispondente locale non è responsabile per i disservizi causati dall’acquisto delle stesse. Vi invitiamo pertanto ad effettuare le opportune verifiche insieme al nostro assistente locale ed, eventualmente, a pianificare le escursioni così come l'eventuale noleggio di un'autovettura. Il Tour Operator comunica inoltre che non ha alc.un interesse diretto sulle vendite delle stesse.

ANIMALI NON COMUNI NELLA NOSTRA QUOTIDIANITA'

Ogni luogo ha la sua natura... e mentre Voi osservate la natura, la natura sta osservando Voi!

La vegetazione rigogliosa del paese è l’habitat naturale di molte specie animali, non pericolose per l’uomo. L’esistenza di un ecosistema tropicale non esclude la diffusione di piccoli ratti che ogni tanto fanno capolino nelle vicinanze dei resort o degli alberghi, attratti dal calore e dalla possibilità di trovare del cibo.

Il geco, che fa la sua comparsa dopo il tramonto, è molto comune in tutte le zone a clima temperato e svolge una funzione importante perché si ciba di insetti parassiti e spesso diventa parte delle mura domestiche.

Tra le specie comuni può essere inoltre annoverata anche la volpe volante, un pipistrello notturno del tutto innocuo che si ciba principalmente della frutta che si trova sulle cime degli alberi e delle palme (soprattutto alle Maldive, alle Seychelles ed in alcune isole caraibiche).

È possibile incontrare anche insetti di piccole dimensioni assolutamente non velenosi. Non può essere perciò completamente esclusa la possibilità che nella propria camera possano introdursi, magari dopo aver lasciato aperta la finestra, piccolissimi insetti. Ciò non denota una carenza di pulizia da parte della struttura ma è semplicemente frutto della natura che circonda la maggioranza dei resort che periodicamente utilizzano prodotti per tenerli lontani.

Si consiglia in ogni caso di munirsi di repellenti e di adottare le normali precauzioni.

 
 
 

Segui i consigli utili di andrea